sabato 17 maggio 2008

Donde sta mi chico latino???



Per le spiagge di S.Domingo credevo sfilassero chissà quali corpi scolpiti e torniti che avrebbero fatto crollare la mia autostima a picco.
Invece devo dire che è caduta in picchiata, ma non di certo guardando la maggior parte delle turiste mondiali in bikini.
In quel paradiso, terra dei sederi a mandolino che si scuotono come dei frullatori, ho avuto la piccola soddisfazione di denotare che almeno il 60% delle donne di tutto il mondo è una pera con le sembianze di una groviera. Cellulite dilagante, chili di troppo che ci si poteva fare un cotechino internazionale, tette cadenti e ognuna tranquilla nella sua rotondità e abbondanza.
Mentre stavo lì sentivo la tremenda nostalgia dell'uomo italiano dalla tendenza maggiormente meridionale che con veracità e rudezza esclama la sua propensione alle curve morbide e alla donna mediterranea. Ero però circondata da mio fratello e mio padre, che sono dei rari estimatori della donna piuma, cioè se pesi oltre i 40 e sei alta 1,60 , sei bassa e grassa, . Essì, in un certo senso, l'uomo italiano mi da diverse soddisfazioni. Ma qui casca proprio l'asino, anzi diciamo che precipita giu in un pozzo senza fondo.
Confrontando la specie Homo Italicus con quei bei maschioni colorati e muscolati centroamericani si arriva alla cruda e amara conclusione e consapevolezza dell'estrema PARACULAGGINE e PIGRIZIA ESISTENZIALE che travolge ormai senza speranza di soluzione l'uomo occidentale moderno.
Per fare un esempio pratico: Una incontra un ragazzo italiano, in un luogo qualsiasi.
Lui si avvicina con fare gallo cedronesco, se si avvicina, perchè ormai è lui che aspetta che tu vada e in modo esplicito ma non troppo lo conquisti. Ci si scambia il numero di cellulare se non il contatto messenger, che ormai sostituisce qualunque mezzo di comunicazione. Una volta ogni 7 mesi lui si fa sentire riempendoti di parole a cui tu credi presa dalla disperazione, dopodichè sparisce nel nulla, perchè non ha voglia nè di stancarsi ad aspettare che tu gliela dia, nè di smuoversi un minimo per ottenerla subito. Praticamente se tu sei una donna o il sudoku da fare in bagno non cambia: diventi un puro e semplice passatempo da sfruttare quando si hanno 20 minuti tra una cosa e l'altra.
Questa è la verità. E' inutile dirsi ipocrisie. E' inutile che mi diciate che le eccezioni esistono, che non è così, che queste sono le stronzate di una che sta sempre a scrivere di uomini in un sito che ha scambiato per la smemoranda.
Chiedete a quel 60% di donne . Si trovano nella stessa identica situazione. L'altro 40% ha avuto la fortuna di nascere bella, stronza e anche un po' stupida, ma il tanto giusto da essere abbastanza intelligente e furba per cavarsela sempre e comunque al meglio nella vita da attirare la fortuna dalla sua parte.
Il sudoku per me è sempre stato troppo complicato. Se me la tiro, mi rimbalza in faccia. Se agisco, si stufano. Forse la cagata con il sudoku è considerata anche più soddisfacente di tutta la trafila per conoscere una donna.
L'uomo dominicano, invece, è sempre sorridente. E' fiero del suo culo a mandolino. Arriva con un sorriso a 40 denti e ti invita a ballare la bachata con delle movenze che valgono più di 1000 messaggi e parole inutili che l'uomo italiano pensa mentre fa il sudoku. A loro basta il sole , il mare, la musica e una donna possibilmente chiara di carnagione (cioè ovviamente non io).
Per loro tu sei subito "Mi amor". Qui ormai sappiamo che dobbiamo chiedere scusa se osiamo chiamare amore dopo 10 mesi il nostro uomo, perchè potrebbe venirgli un infarto e fuggire con una cubista ucraina che , dato che non capisce una mazza di italiano, non parla e acconsente sempre.
In conclusione,dato che oggi è stato un venerdì di merda, come quasi la maggior parte di tutti quelli che trascorro qui a Roma nella mia triste realtà quotidiana occidentale, sono andata alla Feltrinelli a cercare un libro sull'uomo latino e sono uscita con :"Falli soffrire. Gli uomini preferiscono le stronze". L'ennesimo manuale su come avere il coltello dalla parte del manico, invano. L'ennesimo libro molto profondo che leggo. Via i mattoni intelletuali o i romanzi di spessore. In questo momento ho bisogno di uno scaffale di supporto morale filofemminista androfobo!

9 commenti:

cernIO ha detto...

cugina, sei proprio uno spasso! Complimenti per lo stile e il ritmo nella scrittura, in bocca al lupo!

Simo* ha detto...

Non credo che serva aggiungere altro, sarebbe superfluo. Hai reso perfettamente l'idea del tipico ragazzo italiano. Purtroppo.
Un bacione

Callista ha detto...

Il libro che hai preso mi è stato regalato l'anno scorso... Fa sorridere, in realtà, ma nella pratica è una cagata pazzesca che si possono permettere solo le donne che sanno di avere un uomo ai piedi e che non hanno un briciolo di intelligenza o educazione. In tutti gli altri casi si rischia l'abbandono subitaneo o addirittura la morte...
Come avrai capito, io non sono affatto per le regole di comportamento (se non per quelle basilari che ogni donna dovrebbe conoscere, tipo "non rompere le palle"). Prima o poi arriverà anche l'uomo che ci prenderà esattamente per come siamo.
Comunque sia, hai scritto cose sacrosantamente (?) vere!
Baci baci

Mat ha detto...

come dove stava? dietro tua sorella e le altre ragazze bianche!

tu sei identica alle loro donne!

muhahahhaha

Lady Cocca ha detto...

emy?! mai dette parole più vere! non ho letto quel libro, ma non lo leggerei mai, e non farlo nemmeno tu xkè tanto hai già capito come funziona il mondo.. ;)

max-buck-office ha detto...

Prova a rimanere a vivere la, ti accorgerai che non è tutto rosa. In vacanza tutto è più bello e sublime, persino a Pinarella di Cervia. Per i ragazzi di oggi hai ragioni da vendere, io ho due figli maschi giovani e non hanno nessuna intenzione di relazionarsi con ragazze pur non essendo gay. Sarà stato il femminismo, l'emancipazione, il nuovo modo di vivere. A provato a fare domande, risposte: sono affari nostri.
Nessuno si vuole più impegnare e mettersi in gioco magari in un futuro di coppia. Ciao

Fratello di Muu? ha detto...

Io sono uno dei figli di quello li sopra. Oltre a spammare violentemente, non si fa mai i cazzi suoi.

Vale ha detto...

mi sento molto offesa :-(
io faccio parte del 40% ma stupida non mi sono mai creduta!
attendo scuse sentite... ;-)

LaGina ha detto...

Ok, dopo questo post è ufficiale ... TI STIMO :D
Anche se è triste dover ammettere che purtroppo la maggir parte degli uomini è proprio così come lo hai descritto tu, e le poche eccezioni rimaste al mondo, sembra se li siano già cuccati le mie migliori amiche ... uffiiii